spatial e le riunioni 3d

Riunioni 3D con Spatial, grazie alla realtà virtuale.

La realtà virtuale consiste nella riproduzione di un tipo di immagini che permettono all’utente di vivere un’ esperienza quasi reale grazie all’uso di alcuni dispositivi tecnologici come per esempio occhiali VR , guanti o auricolari. Lo spettatore si trova immerso in un mondo virtuale sperimentando un’esperienza quasi reale, sensoriale ed emozionante.

Fino ad oggi abbiamo visto l’uso più comune di questa tecnologia nelle applicazioni per videogiochi come per esempio Star Trek: Bridge Crew y Batman: Arkham VR nella Playstation RV. Ma il suo uso no si limita solo a questo, ma può essere applicata anche in ambiti e progetti per migliorare la società per esempio nel mondo della medicina.

Durante questa emergenza, il gruppo Spatial ha appostato per la realtà virtuale per dare una nuova soluzione allo smart working, sviluppando una piattaforma dove l’utente può creare uno spazio virtuale ed interagire con le persone o oggetti come se fosse in uno spazio quasi reale.

Infatti é ormai chiaro che il coronavirus sta cambiato la forma di lavorare negli uffici di tutto il mondo ed anche in italia nei prossimi mesi alcune aziende adotteranno lo smart working come soluzione non provvisoria, ma definitiva. Quindi forse nel futuro sarà necessario qualcosa di più di una video chiamata, magari di uno spazio virtuale dove si può interagire con i propri colleghi o per esempio toccare un oggetto.

Spatial é compatibile con quasi tutti i visori di realtà virtuale come Microsoft HoloLensOculus Quest Nreal Light, ma ora é compatibile anche con Android, IOS e web.

Il funzionamento é il seguente: per accedervi possiamo farlo scaricando la App o attraverso la web e nel momento in cui realizziamo la login, abbiamo la possibilità di creare uno spazio virtuale tridimensionale, scegliendo tra i vari modelli o creandone uno nuovo. Poi possiamo creare il nostro avatar tridimensionale partendo da una nostra foto e cosí interagire con le diverse persone in cui entreremo in contatto.

L’ opzione gratuita ha alcune limitazioni pero é ottima per provare l’applicazione. Lo possiamo utilizzare anche senza gli occhiali 3D, ma senza dubbio con gli occhiali VR l’esperienza é più emozionante.

Il problema attuale che identifichiamo é il costo elevato dei visori VR adatti per questa esperienza (dai 500€ ai 2.000€), ma pensiamo che in futuro più aziende proporranno una tecnologia simile con prezzi più accessibili.

Oculus Quest, il visore 3d che porta la realtà virtuale ad un livello superiore

Heromask: il gioco educativo con occhiali 3d

¿Ti é sembrato interessante questo post? Lascia una valorazione cliccando sulle stelline di valutazione

5 / 5. 24